Da dipendente ad esperto di Trading online. Come Tiziano ha cambiato la sua vita

Ormai lo sai: guadagnare online non è una favola ma è davvero possibile. Ma se non vendi qualcosa a qualcuno, allora non puoi monetizzare il tuo blog.

Per questo la vendita di infoprodotti è un sistema di guadagno redditizio quanto “semplice”. Ti ho già parlato di questo argomento in qualche articolo precedente.

A testimonianza di quanto detto fino ad oggi su questo tema, oggi ti presento la storia di Tiziano Brunno che grazie al suo blog è riuscito a costruire un piccolo ma gratificante business personale.

Tiziano è un fedele lettore di BlogFacile e proprio mettendo in pratica quanto imparato su queste pagine ha costruito il suo successo.

Raggiungere i primi risultati non è stato semplice, e Tiziano ha scoperto a sue spese che il mondo delle affiliazioni non è così fruttuoso come molti guru vogliono farci credere.

Ma senza buttarsi giù, ha provato altre strade trovando infine quella più semplice e remunerante.

E con grande disponibilità, Tiziano ha scritto in questi giorni un bell’articolo in cui condivide il suo percorso e fornisce alcuni consigli molto importati a tutti quelli che, come lui, sono determinati a guadagnare on line.

Buona lettura…

tiziano-brunno

Ciao a tutti i lettori di BlogFacile, mi chiamo Tiziano e mi occupo di trading on line.

Da poco più di un anno scrivo articoli sul mio blog www.tradingblog.it

Tutto è nato dalla scelta di vita che feci qualche anno fa, quando decisi di abbandonare il “posto fisso” dopo ben 10 anni di onorata carriera.

Attraversate le non poche difficoltà che ho incontrato dopo questa scelta, mi ero ripromesso di dare una mano a chi avesse voluto ricalcare il mio percorso di indipendenza.

Quando iniziai, nel Marzo 2015, non sapevo nulla, di hosting, WordPress, copy, SEO…

BUIO TOTALE.

Così ho iniziato, come fanno un po’ tutti, a documentarmi cercando risorse in rete.

Tra i vari siti su cui sono atterrato, alcuni mi hanno catturato sia per la ricchezza di contenuti che per la semplicità del linguaggio.

Uno di questi è proprio il blog dove stai leggendo questo articolo.

Tutto sembrava chiaro e replicabile.

Così acquistai il mio host e il mio dominio su Siteground, il tema e scrissi la prima bozza della pagina “About”.

Ho fatto non pochi casini con la formattazione del tema all’inizio ed è qui che ho iniziato a mandare le mie prime mail a Francesco di BlogFacile.

Mail molto tecniche, ovviamente, del tipo “scusami Francesco mi sono sparite le icone dei pulsanti social…” 🙂

E Francesco ha sempre risposto (in tempi brevi, anche) per darmi una mano.

Con il passare del tempo e acquisendo una maggiore confidenza con WordPress, ho arricchito il blog con i vari plugin indispensabili per la raccolta dei leads.

Una volta configurato Google Analytics è iniziato il momento della verità.

La domanda che mi ponevo più spesso era “tutto sto casino ma poi qualcuno leggerà il mio blog?”.

Devo dire che all’inizio passavo da esaltazione per venti visite giornaliere a scoraggiamento totale nei giorni di cinque o sei visite.

Ho scritto i primi articoli, cercando di dare sempre un taglio personale, leggero e mai eccessivamente didattico con una frequenza di un articolo al mese, circa.

Probabilmente avrei dovuto produrre di più, soprattutto all’inizio, però non avevo ancora inquadrato bene lo scopo e soprattutto non volevo che il mio blog rappresentasse un “lavoro” con regole rigide, ma piuttosto un luogo di condivisione, dove pubblicare contenuti utili per chi si stava affacciando al trading e non sapeva da dove iniziare.

Inoltre non volevo spendere tutto il mio tempo su un computer, anche perché durante la giornata trascorrevo già un discreto numero di ore davanti al monitor ad analizzare grafici finanziari.

La quasi totalità dei miei articoli li ho scritti in brutta copia su un quaderno, nei fine settimana e rigorosamente in spiaggia.

tiziano1

Man mano che divoravo i post di Francesco arrivai a domandarmi come e se potessi iniziare a monetizzare con il mio blog.

Ero venuto a conoscenza del programma di affiliazione Amazon, così pubblicai una lista di libri che avevo letto e che secondo me sarebbero stati di aiuto ai miei lettori.

Risultati?

PENOSI

Molti guru del web si vantano dei propri guadagni fatti attraverso le affiliazioni: ma tirare su qualche euro con questo sistema è molto lungo e impegnativo senza contare che richiede un bacino di lettori enorme.

Quindi, continuavo a non guadagnare un centesimo con il mio blog.

Non sapevo in quale direzione procedere per monetizzare il mio sito, fino a quando non ho letto gli articoli di Francesco.

Hai presente quelle cose che hai davanti al naso e non riesci a notare fino a quando qualcuno non te le fa vedere?

Perfetto.

Dopo tutti i miei articoli dove spiegavo strategie, indicatori e tecniche varie non mi ero ancora reso conto che avrei potuto dare un valore ed un prezzo a uno dei miei “sistemi” che tra l’altro utilizzavo ogni giorno.

In preda all’entusiasmo ho creato l’infoprodotto in meno di due settimane, il pacchetto comprende un manuale operativo in PDF, due video e gli indicatori da installare all’interno della propria piattaforma di trading.

All’inizio delle vendite, feci il botto, poi le mie entrate mensili divennero incostanti per poi stabilizzarsi dopo qualche tempo.

A dirla tutta per alcuni mesi le vendite si sono quasi del tutto fermate, complice anche il fatto che non stavo rispettando le scadenze di pubblicazione che mi ero prefissato.

Da quando ho ripreso il ritmo e ho spinto un po’ sull’acceleratore, le cose sono migliorate.

Ho quindi notato che, in qualche maniera, le vendite sono legate anche all’attività del blog. Non bisogna mai smettere di dare valore e portare traffico.

Ultimamente le visite si attestano su circa cento al giorno con qualche picco oltre i duecento.

So bene che per un blogger professionista sono cifre ridicole ma se mi guardo indietro a quando ne facevo 15-20… per ora non mi posso lamentare.

E questo dimostra che non è necessario avere numeri da capogiro per tirare su qualche euro.

Tutto sommato è stata ed è una bella soddisfazione sia produrre qualcosa di proprio sia vedere la risposta positiva del pubblico.

Il web è veramente pazzesco e non bisogna sottovalutarne nessun aspetto: è una miniera di possibilità.

Quali sono ora i miei progetti futuri?

Da qualche mese, io e un mio amico e socio abbiamo creato il nostro servizio di segnali operativi, sfruttando il mio blog e la mailing list per promuoverlo.

Così mentre all’inizio ero io a lavorare per il blog, senza un obiettivo ben preciso tra le altre cose, ora è il blog che lavora per me.

Ora quando invio una newsletter, per comunicare ai miei lettori l’uscita di un nuovo articolo, posso inserire le novità e i risultati riguardanti il servizio di segnali che forniamo attraverso la nostra chat.

Non mi dilungo ancora a parlare di me e della mia storia ma vorrei piuttosto condividere dei suggerimenti che reputo davvero importanti per chi sta iniziando a sviluppare il suo blog. Suggerimenti derivanti strettamente dalla mia esperienza personale.

Prima di tutto, Rispetta le scadenze.

Datti dei “time limit” e rispettali. Se vuoi pubblicare un articolo al mese, devi farlo punto. Non cadere nel tunnel del “Lunedì mi iscrivo in palestra”.

Secondo: Procedi per piccoli passi, ma procedi.

Se hai una o più idee su come sviluppare il tuo blog, inizia.

Inutile aspettare che sia tutto perfetto, conviene iniziare e aggiustare le cose strada facendo.

Terzo: Sii umile.

Sarà che io odio i presuntuosi e gli arroganti, ma i blogger che si atteggiano a “Guru” secondo me non funzionano.

Puoi essere, tranquillamente, un esperto nel tuo settore, senza fare troppo il fenomeno…

… e i lettori ti apprezzeranno di più.

Quarto: Resta focalizzato.

Se hai deciso di aprire un blog o sviluppare un qualunque progetto, che sia on-line o meno, rimani focalizzato.

Non cercare alternative ai primi fallimenti o scorciatoie che rischiano solo di portarti fuori strada e allontanarti dai risultati.

Come dice Will Smith nel famoso film?

tiziano3

Mi auguro di averti dato qualche spunto interessante, raccontandoti un po’ la mia storia.

E tu sei pronto a scrivere la tua?

Tiziano Brunno

Ho trovato la storia di Tiziano davvero stimolante e l’ho condivisa volentieri con i lettori di questo blog.

Ricorda sempre che, in barba ai fattori esterni, puoi darti da fare in prima persona per generare il TUO reddito senza dipendere da nessuno. Devi solo impegnarti un po’.

Segui l’esempio di Tiziano e i suoi consigli, senza scoraggiarti per gli eventuali fallimenti. Se il tuo primo infoprodotto non avrà il successo che speravi… non hai che da riprovare!

Photo Credit by Gratisography

Ringrazio Tiziano per aver condiviso la sua storia e aspetto di leggere la tua opinione nei commenti.

Non dimenticare di condividere questo articolo. Io e Tiziano te ne saremo grati!

About Francesco Panico

Autore e fondatore di blogfacile.net. Appassionato di Web Marketing e copywriting, mi occupo di strategie di blogging e di lead-generation.
2 commenti
  1. Luca
    Luca dice:

    Bellissima storia. L’ho letta, anche se quando c’è di mezzo la scritta ‘trading online’ sono molto scettico sull’argomento. Comunque e tutto sommato bellissima storia e ti fa capire, come ovvio che sia, che i soldi non piovono dal cielo e soprattutto che se hai un tuo progetto, idee di prodotto ed ecc ecc devi essere il primo a crederci e prima o poi arriveranno i frutti. Come dice un saggio proverbio che dice grossomodo cosi: chi semina bene raccoglie i frutti, ma se semini male raccogli solo tempesta.

    • Francesco Panico
      Francesco Panico dice:

      Purtroppo l’argomento trading è spesso associato a promesse di facili guadagni e programmi truffa. Sono in pochi a parlarne in maniera seria come fa Tiziano. Per questo in molti sono scettici sull’argomento.

      Ma come vedi, onestà e lavoro ben fatto spesso ripagano! 🙂

Trackbacks & Pingbacks

I commenti sono chiusi.