Scegliere il target per creare un blog

Identificare il tuo lettore per creare un blog di successo

Il segreto per creare un blog di successo sta nella strategia. Prima di iniziare è necessario che tu abbia degli obiettivi chiari e un’idea precisa su quello che sarà il pubblico a cui ti rivolgerai.

Non pretendere di scrivere per un gruppo troppo ampio di lettori, perché sarebbe controproducente. Gli utenti, infatti, preferiscono fare riferimento sempre ad uno “specialista” del settore, piuttosto che a qualcuno che propone soluzioni per tutto.
Questo è un comportamento irrazionale che tutti mettiamo in pratica senza rendercene conto. Se, ad esempio, tu avessi bisogno di cambiare il pavimento della tua casa, sostituendolo con un parquet, cercheresti qualcuno che vende tutti i tipi di pavimenti o qualcuno specializzato soltanto nella vendita di parquet? La risposta mi sembra ovvia.

Alla stessa maniera agiscono i lettori. Quindi, impegnati piuttosto per una nicchia specifica, scrivi specificamente per loro. In questo modo sarai riconosciuto più rapidamente come un’autorità nel tuo settore.

Per comprendere meglio quale sarà il tuo pubblico di riferimento, ti consiglio di rispondere a queste poche domande che vado a proporti. Una volta che avrai messo nero su bianco le tue risposte, avrai pronto un vero e proprio profilo del tuo potenziale lettore.

Prima di continuare la lettura fammi un piccolo favore: clicca sul pulsante “g+1”.
Un piccolo gesto che mi aiuterà a far crescere e a sostenere il mio blog.


Le domande che devi farti per creare il profilo del tuo “utente tipo”

Prima domanda: il mio utente è uomo o donna?

Potresti dover scrivere solo per un pubblico maschile o solo per un pubblico femminile. Se hai intenzione di creare un blog su orologi da uomo, scrivi come se parlassi solo ad un uomo. Al contrario, se aprirai un blog per scrivere delle ultime tendenze di moda femminile, scrivi dando per scontato che a leggerti sarà una donna. Non pensare che potrebbe essere uno sbaglio quello di scartare una parte di pubblico: non ha importanza, devi essere preciso come un cecchino.

Seconda domanda: quanti anni ha il mio lettore?

È importante conoscere anche il target di età al quale ti rivolgerai, in modo da scegliere un linguaggio adatto. Se recensisci videogames, probabilmente il tuo utente medio sarà molto giovane e tu potrai essere più confidenziale nella scrittura. Mentre potresti decidere di usare un linguaggio più distinto e pacato se scrivi su soluzioni abitative per anziani.

Terza domanda: che lavoro fa?

Chiediti se vuoi rivolgerti a professionisti del tuo stesso settore o piuttosto ad un pubblico che si avvicina per la prima volta all’argomento di cui scrivi. Lo scopo di questo blog, ad esempio, è quello di fornire consigli utili a chi vuole aprire il proprio blog senza avere ancora alcuna conoscenza in materia. Non punto a dare consigli a chi è già esperto. Se avessi voluto creare un blog rivolto ad un pubblico già competente, avrei privilegiato un linguaggio più tecnico e sicuramente meno comprensibile ai neofiti.

Immaginare quale lavoro svolge il tuo “utente tipo” può aiutarti a capire anche quali sono i suoi orari preferiti per leggere i tuoi articoli. Se ti rivolgi, ad esempio, a un utente che lavora in ufficio, sappi che molto probabilmente leggerà i tuoi articoli di buon grado tra le 8 e le 10 del mattino, ma con meno entusiasmo il lunedì. Qui trovi un post interessante che spiega quali sono gli orari migliori per pubblicare un articolo.

Quarta domanda: quanto guadagna mensilmente?

Questo dettaglio ti sarà utile se desideri mettere in vendita un infoprodotto. Non sarà difficile vendere un tutorial o un corso ad un professionista che guadagna più di mille euro al mese, mentre sarà arduo vendere un manuale, del costo di soli 5 euro, ad uno studente. Pensa bene dunque a quale sarà il tuo target di riferimento se hai intenzione di monetizzare il tuo blog.

Quinta domanda: quali sono i suoi problemi?

È utile identificare quali sono i bisogni dei tuoi utenti. Annota quelli che potrebbero essere i problemi più sentiti, in questo modo ti sarà facile capire quali argomenti affrontare nel tuo blog.

Sesta domanda: quali sono i vantaggi che potrebbe avere leggendo il mio blog?

Studia, eventualmente, la concorrenza, valutando i suoi punti di forza e i suoi punti deboli. Cerca di capire in che cosa puoi distinguerti e che cosa puoi dare che ancora nessuno offre.

Conclusione

Spendi qualche minuto per rispondere a queste semplici domande, ti sarà così più facile identificare il tuo “utente tipo” e, di conseguenza, creare un blog partendo con il piede giusto. Inizia, e centra la tua nicchia come un cecchino!

Photo credit by Gratisography

Se questo articolo ti è piaciuto, condividilo.

About Francesco Panico

Autore e fondatore di blogfacile.net. Appassionato di Web Marketing e copywriting, mi occupo di strategie di blogging e di lead-generation.
2 commenti

Trackbacks & Pingbacks

I commenti sono chiusi.