Come usare networking e relazioni per vendere scooter: la storia di Silvia

Qualche giorno fa, ho inviato una newsletter ai miei lettori chiedendo loro di raccontarmi la propria storia. Ero curioso di sapere come molti di voi hanno cominciato e quali dei miei consigli vi sono stati più utili per ottenere dei risultati concreti.

Silvia Camnasio è stata tra i primi a rispondere al mio appello e ad inviarmi la sua storia. Questa donna mi ha davvero colpito per la sua determinazione e la sua straordinaria voglia di fare.

Inoltre, raccontandomi la sua esperienza, non si è trattenuta dal condividere tutte le risorse che ha utilizzato per imparare e le strategie che le hanno permesso di aumentare la sua visibilità online.

Ma quello che mi ha impressionato maggiormente è stato il pragmatismo con il quale Silvia ha raggiunto i suoi obiettivi, concentrandosi maggiormente soltanto su due strategie…

Bhe, non ti dico altro e ti lascio raccontare da Silvia la sua storia…

Silvia-CamnasioCiao, sono Silvia e sono una veterinaria, che ha deciso, dopo qualche anno di attività nella libera professione, di seguire le orme del marito per aiutarlo nella sua nuova avventura.

Un avventura che conduceva ad una strada totalmente diversa dalla mia: il commercio di scooter.

D’accordo con lui aprii una concessionaria della Piaggio nel 1999 lasciando la mia attività abituale.

Prima di lanciarmi ho passato una estate intera a studiare i manuali di officina di tutti gli scooter che avrei dovuto vendere, e mi sono reinventata commerciante, con un discreto successo e diverse soddisfazioni.

Nel 2012, nonostante la nostra attività andasse piuttosto bene, mi resi conto che i tempi erano cambiati e maturai la consapevolezza che per la nostra azienda era arrivato il momento di cambiare modo di fare comunicazione.

Così iniziai a studiare e sfruttare Facebook aprendo la pagina della nostra azienda.

Tuttavia il primo impatto con i social non diede buoni risultati.

Non demordo e nel 2013, comincio a studiare (da autodidatta e con risorse solo gratuite, fra cui anche l’utilissimo sito BlogFacile.net) come poter fare comunicazione sul web per la nostra azienda, in modo più organizzato e consistente.

Oltre ad usare Facebook, creo bacheche su Pinterest, sfrutto Twitter ed il servizio di Slide Share.

Inizio, così, ad orientarmi nel vasto mondo dei social, ma non sono ancora soddisfatta e capisco che è arrivato il momento di aprire un blog. Non un sito, ma un blog che faccia da vetrina alla nostra attività commerciale.

Confesso che ho perso giorni e notti a creare il sito, perché non avevo risorse da spendere se non il mio tempo.

Superati i limiti tecnici dell’assenza di un web master, ho cominciato a cercare di capire quale fosse la strategia per rendere il mio sito utile ai lettori ma sapevo che era fondamentale creare un rapporto con loro e andare incontro ai bisogni del mio target.

Passavo metà del mio tempo a studiare i blog specializzati: quello di Dario Vignali, quello di Giuseppe Fava e l’utile Sos-Wordpress (tra i tanti).

Più studiavo e più mi rendevo conto che c’era bisogno di acquisire moltissime conoscenze, un mondo intero da dover imparare a conoscere e mettere poi in pratica.

Agli inizi della mia avventura sul web sono andata avanti con motivazione e determinata a stupire anche i maschietti increduli con le mie competenze tecniche in fatto di motori.

Il pubblico femminile era quello che volevo raggiungere maggiormente, perché anche in negozio era con loro che creavo i rapporti più interessanti. Volevo renderle indipendenti dai loro meriti (motoristicamente parlando, ovviamente!).

Avevo la consapevolezza che l’esperienza maturata in 15 anni di attività reale con i miei clienti, l’avrei dovuta trasferire sul web e così ho fatto.

Per creare i miei primi articoli non ho fatto altro che rispondere alle domande che le persone mi facevano quotidianamente in negozio. Rispondere alle loro esigenze mi ha consentito di creare contenuti di valore molto semplicemente.

E inconsapevolmente stavo facendo anche della buona SEO.

Ma avevo anche un altro vantaggio. In 15 anni di attività commerciale avevo collezionato già un importantissima banca dati: più di 6000 contatti email (la mia fortuna).

Loro sono stati i miei primi lettori, sono partita da un pubblico già esistente ed abbastanza consistente.

Scrivevo il mio blog e intanto cercavo di ampliare la mia visibilità creando collegamenti e relazioni con altre realtà simili alla mia, ma non era facile.

La maggior parte dei siti di due ruote, sono testate giornalistiche vere e proprie, che non lasciano spazio alle piccole realtà.

Tuttavia faccio conoscenze online molto interessanti, come quella dell’amministratrice di Blogghidee: Ximi, alias Mary Perez.

Ximi mi ha insegnato ad amare il mio blog, a curarlo e cullarlo, allevarlo e non abbandonarlo.

Divertiti!!”, mi ripeteva.

Questo è stato il suo imperativo e quando l’ho conosciuta nella vita reale, me lo ha ripetuto! Direi che questo è stato l’insegnamento più importante. E a lei devo davvero molto!

Poco dopo conobbi un blogger che ha creduto in me e nel mio progetto accettando di scrivere una rubrica di “guida sicura” ancora oggi seguitissima: Luca Govoni.

Continuando ad intrecciare relazioni e collaborazioni ho scoperto anche Martina De Nardi. Una ragazza meravigliosa! E’ stata un’altra musa per me.

Il suo modo di scrivere, di spiegare le cose, la sua semplicità e professionalità mi hanno aiutato moltissimo, dal suo blog (che ho studiato dall’inizio alla fine) ho imparato davvero molto.

Ogni giorno, studiando e confrontandomi con altri blogger, aumentavo le mie conoscenze, impegnandomi a creare degli articoli interessanti, diversi dalla solita rassegna stampa o prova su strada.

Io volevo rendere il mio scooter qualcosa di speciale, emozionante. D’altronde è questo che consigliano gli esperti di comunicazione: emozionare, essere unici…

E qui entra in gioco Francesco Panico con il suo blog. Grazie ad i suoi consigli pratici mi ha aiutato molto, soprattutto a farmi capire come applicare le strategie di marketing e comunicazione al mio settore.

Ecco qui devo fare un inciso.

La difficoltà più grande è stata quella di adattare ed applicare al mio settore i consigli teorici che i blogger danno.

Come fai ad emozionare parlando di uno pneumatico? Non è proprio così semplice!

Ecco io ricordo ancora quando ho scritto a Francesco e lui mi ha risposto dandomi alcuni consigli e proponendomi il link ad un articolo che spiegava come applicare nella pratica le strategie di marketing ad ogni settore. Più precisamente questo:

https://www.blogfacile.net/11-strategie-per-promuovere-la-tua-attivita/

La semplicità con cui Francesco scrive le cose e soprattutto le verità che dice, lo distinguono da molti dei suoi colleghi!

In realtà ho letto anche tutti gli altri articoli di BlogFacile, l’ho studiato tutto.

Ma questa è un po’ la mia caratteristica. Se non ho letto tutto il blog dell’autore non mi schiodo.

I collegamenti con altri blogger intanto crescevano, creare una rete intorno a me, è stato fondamentale.

E creare relazioni online non è poi così difficile. Basta dare, per ricevere.

Gloria Vanni in questo è stata maestra. Lei mi ha introdotta in #adotta1blogger,

dove ho creato delle bellissime collaborazioni e dove ho imparato e conosciuto blogger davvero speciali che mi hanno insegnato davvero moltissimo.

La strategia di crescita del mio blog si è quindi sviluppata su due fronti precisi: la scrittura di articoli interessanti e l’incremento delle relazioni con altri blogger.

Grazie alle diverse collaborazioni, i motori di ricerca iniziavano a portarmi traffico e le visite al mio sito sono cominciate a crescere.

Oggi quasi l’80% del traffico del mio sito viene dai motori di ricerca.

Più di undici mila visite al mese di lettori in target! Non mi aspettavo tanto!

Il blog adesso ha quasi due anni, e va avanti da solo, posso permettermi di fare un paio di articoli al mese al posto di dieci come facevo prima.

Posso dire che la strategia che  ha davvero fatto incrementare la mia visibilità è stata proprio quella di intrecciare relazioni e collaborazioni con altri blogger.

Quali progetti ho adesso per il futuro di Moto39ilblog ?

Potenziare la parte di guadagno passivo, proveniente dall’affiliazione con Amazon e di riuscire a cambiarne la grafica che non mi piace più.

Ma soprattutto, continuare a rispondere ai miei preziosi lettori!

Inoltre, ho fatto un ulteriore passo.
Sono tornata alle origini ricominciando a fare il veterinario sul web e adesso curo la comunicazione e i contenuti dei colleghi medici.

Insomma sono diventata quasi una professionista del blogging (quasi perché non ho certo le vostre capacità, infatti continuo a studiare), anche grazie a BlogFacile!

Silvia

Come puoi vedere, Silvia è il fulgido esempio del fatto che nessun traguardo è impossibile. Chiunque di noi può acquisire nuove conoscenze e mettersi in gioco in campi completamente nuovi e sconosciuti.

Ma bisogna che ci siano due condizioni fondamentali:

– la determinazione a raggiungere davvero il successo personale
– la voglia di imparare cose nuove

Solo l’azione e l’impegno portano al successo e ai risultati.

Photo credit by Gratisography

Ringrazio Silvia per aver condiviso la sua storia e aspetto di leggere la tua opinione nei commenti.

Non dimenticare di condividere questo articolo. Io e Silvia te ne saremo grati!

About Francesco Panico

Autore e fondatore di blogfacile.net. Appassionato di Web Marketing e copywriting, mi occupo di strategie di blogging e di lead-generation.
9 commenti
  1. Andrea Pomelli
    Andrea Pomelli dice:

    Complimenti a Silvia e a Francesco per i suoi sempre utili contenuti. Capisco Silvia in ogni sua difficoltà iniziale nel creare da zero, senza basi tecniche diciamo, un blog. Ho aperto il mio primo blog da neanche un mese e, pur semplice che sia, mi ci è voluto veramente tanto tempo. Ancora adesso tanti concetti sono avvolti nell’oscurità. Piano piano, insieme a forum e blog come quello di Francesco (Come Silvia ho letto tutti i tuoi articoli) sto capendo molte più cose. Spero di arrivare al punto di divertirmi davvero, l’ho fatto per quello d’altra parte.

  2. Luca
    Luca dice:

    Brava Silvia e si vede che con determinazione e studio si possono ottenere ottimi risultati. Complimenti anche Francesco Panico per l’ottimo blog che gestisce.
    Ciao ciao.

  3. Gloria Vanni
    Gloria Vanni dice:

    Grandi entrambi, Silvia e Francesco.
    Seguo tutti e due, conosco più da vicino Silvia e ogni giorno mi meraviglia con la sua energia di scoprire, studiare, migliorare, adattarsi: è quasi peggio di me, anzi meglio!

  4. Rocco Laurino
    Rocco Laurino dice:

    Complimenti a entrambi. Seguo Silva e ho avuto l’opportunità di partecipare alla sua bellissima iniziativa #liabbiamoaiutaticosi. Per me è davvero un esempio da seguire, per sviluppare la propria presenza online.

I commenti sono chiusi.