La regola d’oro per lavorare meno ed ottenere migliori risultati

Ormai lo sai, creare un blog è qualcosa che richiede competenze in diversi ambiti: grafica, SEO, email marketing, web marketing, copywriting…

Come potrai ben immaginare, è difficile padroneggiare alla perfezione tutte queste conoscenze in breve tempo. E non si può imparare tutto velocemente.

Per questo, se gestisci un blog, è necessario che ti concentri piuttosto sui tuoi punti di forza, sulle tue abilità uniche, delegando quello che invece ti sembra difficile da fare o ti fa perdere troppo tempo.

Io, ad esempio, sono una schiappa in grafica, te lo avrò già detto, e spesso delego i lavori che richiedono l’uso di programmi di editing fotografico.

Ma mi sono concentrato nel fare quello che mi riesce meglio e che porta maggior valore al mio blog: scrivere e mettere in pratica le strategie di web marketing.

È proprio questa la chiave per riuscire nei propri progetti e portarli a termine velocemente: concentrarsi su quello che si sa fare e puntare subito ai risultati.

Mentre pensare sempre e solo alle proprie lacune è il modo migliore per non andare da nessuna parte.

Forse hai già sentito parlare di Vilfredo Pareto, economista e sociologo italiano che stabilì una legge empirica nota come il “Principio di Pareto”.

Secondo il Principio di Pareto “la maggior parte degli effetti è dovuta ad un numero ristretto di cause”.

In altri termini, gli sforzi focalizzati sul 20 per cento del lavoro, portano all’80 per cento del valore e dei risultati.

È un concetto conosciuto da molti ma applicato da pochi. Eppure posso assicurarti una cosa: funziona!

E parlo soprattutto per esperienza personale.

Puoi migliorare il tuo blog, il tuo brand e le tue vendite in modo notevole concentrandoti solo sul 20 per cento delle attività quotidiane.

Ovviamente, non ti sto consigliando di fare meno in tutto, ma di individuare la parte di lavoro che ti porta via molto tempo e che non porta a risultati “produttivi”.

Ad esempio,

Controllare le tue email dieci volte al giorno, non è produttivo.

Cambiare il tema del tuo blog (o del tuo sito), non è produttivo.

 Controllare continuamente le statistiche sul traffico del tuo sito, non è produttivo.

Ma più in generale, non è produttivo fare qualsiasi cosa che sai di non poter fare bene da solo e in poco tempo.

Perdere ore per creare un’illustrazione, se non sei un esperto di grafica, ti porterà via tempo in cambio di qualcosa di discreto.

Ma anche creare una pagina di vendita, se non hai buone nozioni di copy, può farti lavorare per ore senza portarti a risultati soddisfacenti.

Ed oggi, hai a disposizione diversi mezzi per delegare quello che non sai fare o che ti porta via troppo tempo.

Ormai esistono dei marketplace dove puoi trovare diversi freelance e professionisti pronti ad aiutarti e a fare il “lavoro sporco” al posto tuo.

Affidare dei lavori a dei professionisti genera un notevole risparmio di tempo e denaro, in quanto la collaborazione si sviluppa online e con notevole velocità, anche per singoli progetti.

Puoi trovare facilmente un esperto per delegare i tuoi lavori su oDesk o su Elance: sono due piattaforme dove i freelance di tutto il mondo mettono a disposizione le loro abilità.

Ma esiste anche una realtà tutta italiana, rappresentata dal portale Addlance. Questo portale è stato fondato nel 2013 da tre ragazzi della provincia di Como e va incontro ai freelance che desiderano lavorare in remoto e in qualsiasi orario del giorno e della notte senza avere la necessità di incontrare i propri clienti.

Ma soprattutto facilità la ricerca di un professionista affidabile a chiunque abbia bisogno di delegare i suoi lavori. Senza vincolare né te, né il professionista che scegli ad un rapporto di lavoro continuativo.

L’idea di questo marketplace riprende quella che è la realtà che si è andata a sviluppare già in altri paesi europei, ma che non si era ancora ben sviluppata in Italia (una cosa strana se pensiamo che il nostro è il paese delle partite IVA e che ci sono moltissimi professionisti in cerca di lavoro o anche solo di un progetto).

Personalmente preferisco Addlance agli altri marketplace concorrenti, perché è un progetto tutto italiano. All’interno di questa piattaforma è piuttosto raro imbattersi nei professionisti indiani o cinesi che spopolano sulle altre piattaforme.

È vero che spesso i professionisti dei paesi orientali sono meno cari, ma è altrettanto vero che comunicare con loro, in lingua inglese, per spiegare bene di cosa si ha bisogno non è proprio semplice.

Senza contare che, spesso, ad un prezzo più basso, corrisponde un lavoro non proprio eccellente.

Su Addlance, inoltre, viene utilizzato un sistema di valutazione reciproco con giudizio finale. Un sistema molto utile, da un lato per il cliente, per capire quale freelancer contattare; e da un lato per i professionisti che possono facilmente scegliere un datore di lavoro con cui poter collaborare serenamente.

Quindi, anche se ti sembra difficile affidare a qualcun altro una parte del tuo progetto, usa questi strumenti.

Se cominci a lavorare in questa maniera, aumenterai notevolmente la tua produttività e… non tornerai più indietro.

Ricorda di applicare il “Principio di Pareto” per ottenere i risultati a cui ambisci e di focalizzarti sul lavoro davvero produttivo.

Ogni giorno chiediti:

Quanto tempo ho dedicato alle attività davvero produttive?

Quanto progresso “vero” c’è stato nel mio lavoro?

 Quanto tempo ho passato a creare e a migliorare i sistemi di funnel che lavoreranno al posto mio?

E tieni sempre il tuo focus sulle cose davvero importanti per far crescere il tuo blog:

1) Scrivi regolarmente

2) Scrivi cose che interessino ai tuoi lettori

3) Crea o migliora il tuo funnel

4) Studia per acquistare nuove competenze o migliorare quelle che hai già

5) Goditi i risultati!

Ora sono curioso di sentire la tua opinione. Quali sono i metodi di lavoro che usi per essere più produttivo?

Utilizza i commenti per lasciarmi la tua opinione e non dimenticare di condividere questo post.

Photo Credit by picjumbo.com

About Francesco Panico

Autore e fondatore di blogfacile.net. Appassionato di Web Marketing e copywriting, mi occupo di strategie di blogging e di lead-generation.
2 commenti

I commenti sono chiusi.