Le strategie che i blogger professionisti non svelano

Quando decidi di creare un blog non devi sperare che il suo successo arrivi grazie al caso o al passaparola. Secondo te i più grandi blogger hanno iniziato così? Qualcuno, forse, ma nella stragrande maggioranza dei casi il blog è stato creato con coscienza e con un piano ben preciso.

Sono stufo di leggere articoli che cercano di far credere che un blog arriverà al successo solo col tempo e a furia di scrivere articoli su articoli! La verità è che scrivere valanghe di post non basta e, per fortuna, non è questo il miglior modo per ottenere visibilità.

Un blog raggiunge il suo successo attraverso delle strategie precise che tutti possono attuare. Chi sostiene il contrario lo fa principalmente per due motivi:

1) Non conosce davvero il motivo del suo successo e quindi è convinto davvero che sia questione di fortuna.

2) Non vuole rivelarti le sue strategie. E in fondo ha ragione! Perché dovrebbe farlo? Ci vogliono anni di studio, decine di libri, di corsi, di test e diversi euro per padroneggiare le leggi che governano il web. Chi ha imparato lo ha fatto a sue spese e non ha motivo di regalarti il frutto di tanto impegno e di tanto denaro.

Io ho aperto questo blog solo lo scorso Novembre, ma sono già molto soddisfatto dei risultati ottenuti finora e qualcosa da insegnarti penso di averla. E non voglio sicuramente essere l’ennesimo blogger che scrive banalità trite e ritrite.

Il mio scopo è, invece, essere tra quelli che davvero danno qualcosa in più.
Chris Guillebeau, uno dei miei blogger preferiti, insegna che “per raggiungere i propri obiettivi, bisogna aggiungere valore per gli altri, per questo è indispensabile usare le proprie abilità per migliorare in maniera radicale la vita delle persone”.

Quindi ho deciso di scrivere questo articolo in cui ti svelerò le strategie che molti blogger professionisti non svelano. In questo post ti indicherò come impostare correttamente il tuo progetto se ancora devi iniziare e cosa puoi fare da subito per portare al successo il tuo blog, se già ne hai uno.

2 elementi da studiare prima di iniziare

Ti ribadisco questo concetto: credimi quando ti dico che è finito il tempo in cui si apriva un blog e a furia di scrivere articoli si diventava celebri. Oggi bisogna analizzare a fondo il proprio progetto e mettere in pratica alcuni metodi studiati e testati per garantire al blog degli ottimi risultati in breve tempo!

Innanzitutto, prima di lanciarsi, occorre studiare due elementi fondamentali che determineranno i risultati del tuo nuovo blog.

1) Il pubblico.
Il fatto di avere una passione per un argomento non è un elemento sufficiente a decretare il successo del tuo blog. Qualsiasi informazione può essere appetibile sul web, ci sarà sempre qualcuno che apprezzerà il nostro lavoro, ma il problema è proprio il numero di queste persone. Quindi ti sconsiglio di voler essere originale a tutti i costi e di fare il pioniere di un argomento.

È ormai famosa la storia del seminario in cui Gary Halbert domandò ai partecipanti cosa, secondo loro, ci volesse per aprire un chiosco di hot dog di successo. Le risposte furono diverse: una buona ubicazione, panini gustosi, la migliore senape, la quantità di burro, la simpatia del personale, una bella divisa… Halbert dopo alcuni minuti interruppe tutti dicendo: “Ciò di cui avete bisogno, perché il chiosco abbia successo, è una folla affamata”. Tutte le risposte erano valide, ma inutili senza un pubblico affamato.
Trova la tua folla affamata! O se preferisci… la tua “nicchia” di folla affamata.

Smettila di farti la domanda “chi mi leggerà?”, molti dei tuoi dubbi troveranno la risposta nella semplice domanda “esiste un pubblico interessato a quello che scriverò?”. E a questa domanda puoi rispondere in un solo modo!

Apri Google Keyword Planner e verifica che esista una nicchia con un buon bacino di persone interessate. Se un argomento è ricercato almeno 3.000 volte al mese, allora hai un potenziale pubblico. Se aspetti che qualcuno ti garantisca qualcosa, non inizierai mai.

2) I Blog già esistenti sull’argomento
Se c’è un pubblico, molto probabilmente ci sarà già anche qualcuno che parla già dell’argomento di cui hai deciso di scrivere. Devi studiare chi sono i tuoi “concorrenti” e scoprire quali sono i loro punti di forza e le loro carenze per capire in cosa puoi essere diverso da loro, in cosa puoi essere migliore.

Analizza in cosa i tuoi rivali sono imbattibili e quali lacune hanno i loro blog per trarne degli spunti utili. Poi studia una strategia per differenziarti da loro:

sicuramente troverai degli argomenti trattati superficialmente, dei buchi da riempire. Tu puoi specializzarti in un argomento che loro trattano poco e male.

Ricorda che se vuoi essere notato devi distinguerti.

Ovviamente dovrai trovare soluzioni diverse a seconda del campo nel quale deciderai di buttarti. Non posso dare consigli specifici per ogni tipo di blog, ma la strategia di differenziarsi da sempre ottimi risultati. Non devi MAI iniziare per essere uno dei tanti ma impegnarti per realizzare un blog che sia utile per risolvere un problema specifico o per soddisfare un bisogno preciso dei tuoi potenziali lettori.

Inizia e applica le strategie che ti indico nel mio blog! Impegnati e non fermarti dopo che avrai scritto i primi 5-6 articoli. Continua finché non otterrai ciò che vuoi. Sii caparbio, i risultati non arriveranno appena dopo un mese!

Come realizzare il blog?

Se ancora non inizi semplicemente perché hai paura di non saper fare tutto, ti do un consiglio: non concentrarti su quello che non sai fare!

Io stesso non so fare tutto: non conosco il CSS e sono una schiappa in grafica. Spesso chiedo una mano al Graphic Designer Ferdinando Signorelli per queste cose.

Nessuno può saper fare tutto. Il logo del mio blog e l’immagine che rappresenta il mio ebook le ho fatte realizzare da altre persone più capaci di me in questo.

Io mi sono concentrato nel fare quello che mi riesce meglio: scrivere e mettere in pratica le strategie di web marketing e copywriting.

Pensare sempre e solo alle proprie lacune è il modo migliore per non andare da nessuna parte.

Concentrati piuttosto su quello che sai fare meglio! Sui tuoi punti di forza, sulle tue abilità uniche. E delega quello che invece non sai fare.

E non stare troppo tempo lì a chiederti con quale piattaforma iniziare.

WordPress è di sicuro una piattaforma versatile e potente, quanto semplice da usare. In poche parole, l’ideale per creare il tuo blog. Tuttavia, in molti ultimamente mi chiedono se possono affidarsi a servizi del tipo Wix e Jimdo. La mia risposta è sì! Non ho mai utilizzato questi servizi e non conosco bene la loro validità e i loro prezzi, ma se preferisci queste piattaforme per realizzare il tuo blog, non c’è problema. Dovrai, però, sempre e comunque studiare il tuo progetto per far sì che il tuo blog non resti senza visite come una cattedrale nel deserto. Il problema non è la creazione pratica del blog o il CMS che userai per farlo, ma piuttosto come ci porterai traffico.

Per questo se vuoi farti creare il tuo blog è comunque necessario che tu ne capisca qualcosa!

Per fornirti le informazioni essenziali e più importanti per partire con il tuo progetto ho realizzato, già da diverso tempo, il mio primo ebook “Le 7 Cose da sapere assolutamente prima di creare un Blog”. Se sei già iscritto alla mia Mailing list lo hai già ricevuto, altrimenti puoi scaricarlo da qui:
https://www.blogfacile.net/risorse/

Vuoi farti creare il sito o il blog da un web master? Fa pure, ma in seguito dovrai essere TU a impegnarti per portare traffico. Dovrai anche imparare, ad ogni modo, le cose essenziali per poterti dedicare alla crescita del tuo progetto personalmente. E per giudicare se il tuo web master sta facendo un buon lavoro.

So che dicendo questo mi tirerò addosso un sacco di critiche, ma oggi i web master competenti sul mercato sono davvero pochi. Il fatto che qualcuno sappia creare un sito dall’aspetto strabiliante non significa che sia anche un esperto delle dinamiche del mondo del web.

Tempo fa, parlai con un conoscente che viveva proprio realizzando siti web e mi disse che per colpa della crisi non aveva più clienti e non poteva più continuare a fare quel lavoro. Aveva ridotto i prezzi al minimo, realizzava siti web a meno di 300 € (non so come poteva!) ma nonostante tutto i clienti non arrivavano. Gli dissi che il problema, secondo me, non erano le sue tariffe ma il fatto che molti non lo conoscevano. Allora gli chiesi se usava una strategia per pubblicizzarsi.
Mi rispose “sì, ho un mio sito web”. Allora gli chiesi come ci portava traffico. La sua risposta fu “in nessun modo, i miei clienti arrivano dal passaparola della gente”.

Speravo che scherzasse ma, purtroppo, era proprio così. Gli diedi qualche suggerimento per iniziare a farsi conoscere, tra i quali quello di iniziare subito una campagna su Facebook, localizzata sulla sua città. La sua risposta fu “ma, non servirà a niente, c’è la crisi e poi se sei bravo le persone lo sanno dall’Aosta alla Sicilia”. Mi caddero le braccia…
Una persona che lavorava sul web, così dotata per realizzare ottimi siti ma così lontana dal comprendere le dinamiche del web marketing.

Quindi sta attento quando scegli a chi affidare la costruzione del tuo blog e la sua gestione. Un web master decente potrebbe al limite crearti un bel blog ottimizzato per la SEO, ma questo è l’ultimo elemento da tenere in considerazione se si vogliono ottenere risultati visibili nel più breve tempo possibile. Ad ogni modo, il tuo web master non scriverà guest post per te e non attuerà le strategie di marketing al posto tuo. Devi iniziare a studiare per far crescere seriamente il tuo blog!

I cardini del successo del tuo blog

Un’altra cosa che un web master non ti dirà (probabilmente perché non lo sa) è che la combinazione essenziale per far decollare il tuo blog è costituita da Squeeze page – Report – Autoresponder! E ognuno di questi tre componenti è fondamentale per il suo successo. Te ne ho già parlato in questo articolo, ricordi?

Se finora hai trascurato anche uno solo di questi elementi, non meravigliarti del fatto che il tuo blog non sia decollato. Credevi che bastasse creare un blog e pubblicare articoli ogni tanto? Non è così, purtroppo (o per fortuna, dipende dai punti di vista). Un blog di successo deve catturare e fidelizzare i suoi utenti.

Per questo qualsiasi blog o altro tipo di attività online ha bisogno di una Mailing list.

Grazie ad una Mailing list potrai, infatti, comunicare in ogni momento con tutti i tuoi lettori per proporre:

le novità del tuo blog,

l’uscita di nuovi articoli,

dei contenuti esclusivi,

il lancio di un tuo nuovo progetto (nuovo blog, nuovo servizio…).

Inoltre, se vorrai vendere un infoprodotto, la tua Mailing list sarà un valido strumento per promuoverlo. La Mailing list è lo strumento più efficace per vendere online. Anche se non hai intenzione di vendere nulla nell’immediato, inizia a creare sin da subito la tua lista di iscritti… potresti creare un infoprodotto da vendere tra qualche mese e iniziare a guadagnare davvero con il web.

La prima operazione che quindi dovrai fare per iniziare a fare sul serio con il tuo blog sarà quella di usare un servizio per gestire la Mailing list.

In tanti si ostinano ad usare la versione gratuita di MailChimp perché è gratuita se si inviano non più di 12 mila email al mese ad un massimo di 2 mila iscritti. Tuttavia, in questo modo rinunciano ad usare gli automatismi, ad avere statistiche sulle iscrizioni e a molte altre funzioni utili. E anche nella sua versione Pro, questo Autoresponder resta, a mio parere, molto macchinoso e per niente semplice da utilizzare.

Vuoi usare un Autoresponder valido, completamente in italiano e molto semplice da padroneggiare? Scegli GetResponse. Costa 14 € al mese dal secondo mese di utilizzo ma ti assicuro che ne vale la pena e ti permetterà di padroneggiare, facilmente e senza limiti, le interazioni con i tuoi iscritti e di essere subito avvantaggiato rispetto ad una bella percentuale di blogger.

Sta a te decidere. 14 € al mese per fare la differenza! Sai tu quanto sei disposto ad investire nel tuo progetto, sai tu quanto ci credi.

In secondo luogo dovrai preparare un Report per invogliare i tuoi utenti a iscriversi alla Mailing list! Se ancora non lo hai fatto, prepara un breve ebook da regalare ai tuoi lettori.

Il Report sarà il motivo principale che spingerà il tuo lettore a lasciarti la sua mail. Certo, qualcuno potrebbe decidere di iscriversi alla tua Mailing list semplicemente perché adora i tuoi contenuti, ma molti desisteranno dal farlo per la semplice paura di essere bombardati da email di spam o di cedere a chissà chi il loro prezioso indirizzo email.

Per questo devi offrire qualcosa in cambio che giustifichi per il tuo lettore il compimento di un’azione così “rischiosa”!

Quando avrai approntato il tuo Report e avrai configurato il tuo Autoresponder non ti resta che creare una pagina ad hoc (una Squeeze page) in cui proporre il tuo ebook al lettore in cambio della sua mail. Non dimenticare di inserire un link alla tua Squeeze page alla fine dei tuoi nuovi articoli.

Cosa puoi fare ancora per migliorare

Hai già un blog ottimizzato con Report e Squeeze page, ma stenta comunque a decollare? Potrebbe dipendere da diversi fattori: non hai scelto bene il tuo target, non hai attuato buone strategie di Outreach, non ti sei impegnato abbastanza a portare traffico o non ti sei concentrato su un argomento specifico.

Vediamo cosa puoi fare nell’immediato per correggere, eventualmente il tiro e dare nuovo slancio al tuo progetto.

1) Se sei partito senza fare un’analisi precisa del tuo pubblico, mi auguro almeno che tu abbia iniziato a collezionare le mail dei tuoi utenti. In questo caso hai un’ottima opportunità per rifarti.

Crea un sondaggio con Google Docs e invita i tuoi lettori a rispondere attraverso la tua Mailing list. Poni al tuo pubblico delle domande che ti aiutino ad identificarlo al meglio.

In base alle risposte che riceverai, concentrati su quella che è la parte maggiore dei tuoi utenti. Centra il tuo target. La scelta di escludere una fetta di pubblico è sempre difficile, ci vuole coraggio per attuarla, ma ti assicuro che focalizzarsi su un target molto specifico garantisce migliori risultati in termini di visibilità e di successo.

Se non sai come creare un sondaggio con Google Docs, qui trovi una guida molto semplice: https://support.google.com/docs/answer/87809?hl=it

2) Scrivi subito un guest post per un blogger influente della tua stessa nicchia, o di una “adiacente”. Nell’articolo che scriverai è molto importante che alla fine sia presente il link alla tua Squeeze page. Solo così potrai ottenere, dal tuo guest post, degli ottimi risultati in termini di iscrizioni alla tua Mailing list.

Ho ancora 3 strategie fantastiche da proporti, dei metodi davvero infallibili per portare subito un sacco di traffico al tuo blog.
Ma per leggerle ti chiedo di condividere questo articolo.

Metti in pratica almeno due di queste strategie e vedrai subito ottimi risultati. Garantito!

Perché, detto francamente, per farti notare sul web non devi emergere tra migliaia di blogger professionisti ma, più verosimilmente, tra migliaia di blogger improvvisati. Essere tra i migliori e raggiungere il successo, non sarà così difficile se inizi a fare sul serio! E con queste semplici strategie non ti sarà difficile ottenere i risultati che desideri.

Dacci dentro!

Photo credit by picjumbo.com

About Francesco Panico

Autore e fondatore di blogfacile.net. Appassionato di Web Marketing e copywriting, mi occupo di strategie di blogging e di lead-generation.
2 commenti

I commenti sono chiusi.